Bari: Workshop di Painting Theatre con Francesca Citarella @Teatratelier Bari

16 marzo 2016 presso Teatr’atelier – drammaturgia e arti contemporanee a Bari.

tracking.php?code=vJxIHoNoeV9i1pnnIqyj0I

Workshop di Painting Theatre: L’uomoAnimale

Il 16 marzo 2016 (h.19:30-22:30) Notterrante / Teatr’atelier organizza il workshop di Painting Thea-tre condotto da Francesca Citarella, in cui pittura e teatro s’incontrano sul piano performativo, at-traverso la tematica “UomoAnimale”. Il workshop è pensato per gli allievi dei corsi Stop e Pastiche, ma può essere aperto a un minimo di 5 partecipanti esterni, attraverso un contributo di 10 euro. Per Info e prenotazioni 3475596088 / notterrantecompagnia@hotmail.it / notterrante.wordpress.com

Il laboratorio vuole essere un primo studio sul naturale equilibrio tra corpo, anima e materia, e si propo-ne di raggiungere diversi e contemporanei obiettivi:

1) Il primo, più prettamente “emozionale”, concerne la ricerca delle proprie emozioni. Il laboratorio inizia con il training fisico e prosegue con un’indagine sul movimento, attraverso un lavoro sulla densità e sulla cir-colarità di respiro, sulla percezione e l’osservazione, sul corpo e l’immaginazione.
2) Per un secondo e diverso livello di conoscenza, proviamo a sviluppare familiarità, complicità e ascolto con noi stessi e con gli altri. E’ necessario creare una sorta di coro, un luogo dove ognuno possa sentirsi libero di esprimersi.
3) Infine, arriviamo alla materia e al colore. Intense esperienze, per imparare a giocare, sentire e improvvi-sare attraverso l’utilizzo di colori, mani nude, bastoncini, spugne, impasti fatti di materiale vario, ecc.

L’incontro presenta come tema centrale la figura de “L’UomoAnimale”, la cui interpretazione verrà rielaborata attraverso esercizi teatrali, successivamente applicati a una realizzazione visiva, tramite l’utilizzo dei colori e del materiale indicato.

DESTINATARI: Il laboratorio è rivolto a tutti. Non sono richieste particolarità specifiche se non l’impegno e la costanza di voler affrontare insieme un “viaggio introspettivo” verso “l’esteriorità”. I colori possono aiutarci a scoprire molti aspetti della nostra interiorità. Essi circondano e permeano ogni cosa visibile e anche non visibile al nostro sguardo.
Si prega di portare qualsiasi oggetto/materiale/capo d’abbigliamento che possa, secondo voi, esser utilizzato.
Si consiglia abbigliamento comodo e da sporcare.

BIOGRAFIA ARTISTICA FRANCESCA CITARELLA:

Nata a Bari il 07 giugno 1983 e laureata in Lettere-Cultura Teatrale presso l’Università degli Studi di Ba-ri “Aldo Moro”, sin da piccola manifesta un forte bisogno di comunicazione e interpretazione attraverso l’Arte, espresso per mezzo del disegno e della pittura. La sua personalità curiosa l’ha portata ad essere una persona eclettica e volitiva in ambito artistico.
Da circa sette anni coltiva “a pieno” la passione per il Teatro in tutte le sue sfaccettature. Inizia con il C.U.T.A.M.C. (Centro Universitario per il Teatro, le Arti Visive, la Musica, il Cinema), frequenta per due anni un piano accademico-teatrale presso l’Accademia dello Spettacolo “Unika” e diversi laboratori, stages, seminari, correlati di esibizioni e spettacoli (nel territorio). Attualmente porta in scena propri spettacoli pittorico-teatrali, collabora con la Compagnia Notterrante e altri operatori del settore teatrale e cinematografico.
Grazie alle esperienze teatrali (che le hanno consentito di avviare il processo di “riscoperta” del suo io), ha potuto traslare le emozioni sul piano astratto e immaginativo consentendole allo stesso tempo di riprendere a dipingere e a tramutare l’astratto in forma concreta attraverso l’esplosione emotiva su tela che vede il suo corpo come ponte tra anima e materia.
Per quanto concerne la pittura, è sempre stata autodidatta con predilezione per il ritmico uso del colore e il fiero senso di indipendenza. Affascinata dalla tecnica del pittore statunitense Paul Jackson Pollock, si è avvicinata sempre più all’utilizzo dell’Action Painting lasciando che l’opera che ne risulta enfatizzi l’atto fisico della pittura stessa senza l’utilizzo di supporti fisici come il cavalletto, la tavolozza ed i pennelli. Preferisce mani nude, bastoncini, spugne, coltelli, impasti fatti di materiale vario.. e lasciar gocciolare spontaneamente il colore, lanciarlo o macchiare la tela. Predilige fissare le tele sul pavimento o sul muro o comunque su una superficie dura. Sul pavimento si sente più vicina al dipinto e in questo modo può utilizzare tutto lo spazio di cui ha bisogno e ritrovarsi ad essere “dentro” al dipinto stesso. Quando è “dentro” i suoi quadri è come se entrasse in un’altra dimensione e tentasse di far vivere di vita propria i dipinti, quasi come in una danza. E non si ferma finché non vede ciò che in origine vuole vedere. Generalmente, infatti, ha un’idea dell’aspetto che una determinata opera dovrebbe avere e per ottenerlo si serve del suo corpo: un’unione del controllabile e dell’incontrollabile, del conscio e del subconscio. Perché, come Joyce dice: “Cercare adagio, umilmente, costantemente di esprimere, di tornare a spremere dalla terra bruta o da ciò ch’essa genera, dai suoni, dalle forme e dai colori, che sono le porte della prigione della nostra anima, un’immagine di bellezza che siamo giunti a comprendere: questa è l’Arte.”

Da segnalare: l’approccio alle Arti Terapie attraverso dei corsi di specializzazione; la Performance Pit-torico-Teatrale “Terra di Nessuno” (di cui lei stessa è l’ideatrice), nell’ambito della Mostra d’Arte Foto-grafica “Oltre il confine” tenutasi a novembre 2015 e organizzata da Associazione Culturale VoXart, Bari; la partecipazione alla Mostra Collettiva d’Arte Contemporanea “Open Gallery”, tenutasi a Bari dal 03 al 05 luglio 2015 e curata da Associazione Culturale VoXart; il Painting Theatre Itinerante “EtiVite”, tenutosi da agosto a novembre 2014 nelle piazze del territorio pugliese e prodotto dal gruppo ArtèMix in collaborazione con Kenda Onlus Cooperazione tra i Popoli; l’anteprima del Painting Theatre “Me è l’Io”, di Fabio Allegrini – all’interno della Rassegna Open Stage del Piccolo Teatro di Bari “Eugenio D’Attoma”; il Reading Painting “Finché Morte non ci separi”, di Francesco Olivieri – con l’artista Rosan-na D’Abramo (performance pittorica alternata a lettura del testo teatrale a diffusione nazionale, portato in scena in occasione del flashmob mondiale One Billion Rising in diverse città italiane), tenutosi pres-so l’Ass.Cult. Torre di Babele di Bari il 14 febbraio 2014; la collaborazione e stesura del testo della live performance “Soprusi” dell’artista Rosanna D’Abramo all’interno del F.A.P. (Festival Arti Performative), tenutosi a Rutigliano dal 27 al 29 settembre 2013; la partecipazione all’Evento Internazionale d’Arte Contemporanea “Face Art’s” tenutosi a Lecce dal 06 al 21 luglio 2013, a cura della Dott.ssa e artista Mary Sperti.

Indirizzo: Via Gorizia 24, Bari
Workshop di Painting Theatre con Francesca Citarella @Teatratelier Bari

Trova altri eventi a Bari su Evensi!

Commenta con Facebook

Fai conoscere il tuo evento in tutto il network Evensi
Maggiori informazioni
Promuovi questo evento