Settimo Torinese: Moni Ovadia in Rotte Mediterranee

19 novembre 2016 presso Suoneria Settimo a Settimo Torinese.

tracking.php?code=jyeYWIRAr1bdF47YPeYdiu

Rotte Mediterranee
Racconti, musiche e canzoni
Moni Ovadia (Pagina Ufficiale) voce
Testi: Ivo Andric, Paolo Rumiz, Moni Ovadia
Giovanni Seneca chitarre, composizioni e arrangiamenti
Anissa Gouizi voce
INFO: info@suoneriasettimo.it

Tutto ciò che questa nostra vita esprime – pensieri, sforzi, sguardi,
sorrisi, parole, sospiri – tutto tende verso l’altra sponda, come verso una
meta, e solo con questa acquista il suo vero senso. Poiché, tutto è
passaggio, è un ponte le cui estremità si perdono nell’infinito e al cui
confronto tutti i ponti dì questa terra sono solo giocattoli da bambini,
pallidi simboli. Mentre la nostra speranza è su quell’altra sponda.
Ivo Andric
Rotte mediterranee è un recital per voci e chitarre basato sull’intreccio di racconti e canzoni
popolari dell’area mediterranea e composizioni originali di Giovanni Seneca. Il Mare torna a essere
un ponte tra le sue sponde, a collegare mondi un tempo strettamente legati e che continuano a
mantenersi in contatto, grazie a quanti credono alla cultura come strumento di comunicazione per
il dialogo tra i popoli. Il mediterraneo non è solo un luogo geografico, è un’atmosfera, un
paesaggio. E’, tra i punti cardinali, quello che vive nel presente: non è la proiezione smisurata
della conquista dell’ovest, né il rigore nordico dell’etica del lavoro, non è l’origine che appartiene
all’oriente, ma è l’esperienza della complessità, la ricchezza delle differenze. Una dimensione della
conoscenza non ossessionata dalla crescente velocità. Azzurro ma non sempre grigio sotto le
nuvole, nero nell’oscurità, dorato o roseo e perfino rosso sotto il sole, bianco o plumbeo, verde,
trasparente, torbido: il mare si colora di una gamma smisurata di sfumature che rimbalzano nei
suoni delle voci, dei luoghi, delle musiche. I canti presentano elementi nelle lingue locali: bulgaro,
serbo, greco, ladino, turco e vari dialetti italiani. Si tratta dunque di un repertorio plurilingue, in
cui talora una stessa melodia accompagna testi in lingue diverse, talora una stessa canzone si
compone di strofe in varie parlate. Musiche e canti ispirati alle diverse culture del mediterraneo e
al dialogo tra i popoli; partendo dall’Italia si parte per un viaggio che tocca Spagna, Nord Africa,
Grecia e arriva fino ai Balcani. Come ad aprire finestre sul mediterraneo Moni Ovadia assieme a
Giovanni Seneca e alla cantante italo-algerina Anissa Gouizi fondono musica, canto e parole in una
originale forma di concerto teatrale.

Indirizzo: Via Partigiani 4, Settimo Torinese
Moni Ovadia in Rotte Mediterranee

Trova altri eventi a Settimo Torinese su Evensi!

Commenta con Facebook

Fai conoscere il tuo evento in tutto il network Evensi
Maggiori informazioni
Promuovi questo evento